Mantra Beat il canto che fa bene al corpo e allo spirito

Stagione 2014-2015

Mantra Beat – Il canto che fa bene al corpo e allo spirito

Data (e)
27/04/2015
Ora inizio spettacolo
21:00

 

con Nitya & Ninad – harmonium, chitarra e voci
special guests Andy Fluon (Bluvertigo) – sax e piccole percussioni
Alessandro Morbelli – percussioni

«MANTRA BEAT, dove il beat è il battito della vita, del nostro essere vivi, presenti a questo momento, e il mantra non è che un suono che ci ricorda che di suono siamo fatti e nell’armonia è il nostro destino».

Nitya & Ninad

Per la prima volta in Italia arriva in teatro una pratica di canto antichissima, rivisitata con sonorità contemporanee capaci di andare dritte all’anima. Molto diffusa in Oriente, negli Stato Uniti, in Germania e nel nord Europa, questa pratica è una novità per il grande pubblico italiano, e ripresenta la musica e la voce nella loro veste originaria: strumenti per eccellenza per accedere alla propria interiorità, per riconnettersi allo spazio del sacro, per ricongiungerci alle nostre radici e aprire così gli occhi sulla realtà con nuova freschezza.

Il canto di mantra & kirtan è una pratica che ha risultati sorprendenti in ambiti legati alla meditazione e alla ricerca spirituale, oltre che in ambiti terapeutici, agendo sui tre livelli, spirituale, fisico e mentale. Abbina il potere del suono alla sacralità di “parole” ripetute da millenni, in tutte le parti del mondo, con l’intento di elevare l’animo. L’effetto è di ricollegare chi ascolta e partecipa alla fonte stessa della vita, recuperando quella linfa capace di arginare le principali cause di squilibrio della vita contemporanea, ovvero tensioni, ansia e inquietudini. Questo tipo di canto ha una capacità insita di portare un senso di pace e benessere dentro di noi e nel luogo in cui si pratica. Fa sentire rilassati e rinfrescati, ricettivi e più capaci di concentrarci quando torniamo alle nostre attività quotidiane.

Attraverso la loro personale esperienza, Nitya e Ninad creano un contesto in cui il pubblico stesso, lungi da essere un passivo fruitore o un oggetto da intrattenere, ritrova e rivivifica in sé qualità come la Creatività e la Libertà. È questo che propongono nei loro eventi live, mentre creano Cd per lasciare uno spazio fruibile ogni volta che lo si desidera, anche da soli, a casa propria, a luci spente.

Nitya & Ninad si incontrano grazie allo stesso amore per la Libertà, la Verità e la Bellezza, che li fa riconoscere e diventare compagni di vita. Nitya ha un background come giornalista professionista, Ninad come musicista professionista, e insieme, dieci anni fa, iniziano a suonare ecantare introducendo in modo originale molti amici alla pratica del canto di mantra, fondendo la meditazione con la musica. Il loro ultimo cd, ONE LOVE, esprime l’amore per la condivisione di questa dimensione con coloro che ne conoscono il sapore, e ne risveglia il ricordo in chi lo ha dimenticato. Attraverso il canto, l’intensità e il silenzio, facilitano l’esperienza di sentirsi rilassati, presenti, collegati agli altri e al Tutto. È ciò che portano nei loro concerti e workshop. Dopo anni di eventi in Italia, Germania, Belgio, Svizzera e Grecia, la loro musica trova il principale distributore europeo, Silenzio, e nel 2015 sono invitati per la prima volta negli Usa, tra San Francisco e New York.

Il 27 aprile al Teatro Out Off saranno accompagnati da speciali amici musicisti:
Andy (Bluvertigo)
Artista a tutto tondo e musicista di talento, nei primi anni 90 fonda con Morgan i Bluvertigo, dove contribuisce con sax, tastiere, voce e sintetizzatori alla composizione di tre album. Da dieci anni si dedica anche alla ricerca e sperimentazione, mixando sonorità dal sapore new wave-anni ’80 nei club di tutt’Italia. Andy è anche fondatore di FluOn, suo quartier generale e nucleo creativo, che riassume nel nome una filosofia di arte e di vita: “FLU” come la fluorescenza, ma anche l’inFLUenza, entrambe da emettere e ricevere in flusso continuo e in un costante mode “ON”: acceso.

Alessandro Morbelli
È percussionista, esperto di suono e musicoterapia. Appassionato sin da bambino, studia le percussioni africane, cubane, brasiliane apprendendone tradizione e tecnica da vari Maestri in giro per l’Italia e per il mondo. Collabora con Orchestre multietniche, in progetti Afro e Jazz. Da 15 anni è anche educatore professionale in campo psichiatrico di riabilitazione, tossicodipendenza, iper-attivi ADHD ed autismo. Lavora in questo campo con l’utilizzo di campane tibetane,gong e percussioni dal mondo.