Hermann Nitsch

Stagione 2016-2017

TEATRO OUT OFF - 30 NOVEMBRE 1976/30 NOVEMBRE 2016 - 40 ANNI

Teatro Out Off, in collaborazione con Fondazione Morra di Napoli

Hermann Nitsch

Data (e)
30/11/2016
Ora inizio spettacolo
12:00

 

Das Orgien Mystherien Theater
Incontro/Proiezioni

Ore 12/18.30: Proiezione dei film – 135. action 14.5.2012 action “Dionysos verus the crucified” (part 1) Havana / Cuba, isa university, 3 hours, the action was part of the 11th Havana Biennial, organizer: Fondazione Morra.

– 130. Action 23.5.2010 Pentecost 2010 Napoli, museo archivio laboratorio Hermann Nitsch/Vigna San Martino, 12 hours

ore 18.30 Dialogo tra Hermann Nitsch,  Lorenzo Mango, Ricercatore e docente di discipline dello Spettacolo presso l’università degli Studi di Napoli e Romano Gasparotti,  Docente di Fenomenologia dell’immagine presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano

Il 30 novembre 1976 Hermann Nitsch inaugurò l’Out Off in viale Montesanto con l’Azione n. 53 Il 30 novembre 2016 Hermann Nitsch torna all’Out Off dopo 40 anni per incontrare il pubblico in un dialogo con gli studiosi e presentare due film/documento di sue “azioni”.

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con Peppe Morra del Museo Nitsch di Napoli. www.museonitsch.org

Hermann Nitsch (Vienna 1938) è uno dei maggiori protagonisti dell’arte internazionale della seconda metà del Novecento. Nella sua arte confluiscono teatro, pittura, musica, fotografia, video e performance. Con Günter Brus, Otto Mühl e Rudolf Schwarzkogler è il uno dei più rilevanti esponenti del Wiener Aktionismus, il movimento che intorno agli anni Sessanta rappresenta la massima tensione espressiva della Body Art europea. Allo stesso tempo, Nitsch elabora la sua idea di Orgien Mysterien Theater (Teatro delle Orge e dei Misteri): una “opera d’arte totale”, come la definirebbe Wagner, legata al concetto psicanalitico di Abreaktion, ovvero la scarica emozionale che consente ad un soggetto di rimuovere gli effetti di accadimenti drammatici. L’esecuzione di atti orgiastici e onanistici insieme alla messinscena di riti sacrificali (con memorie di misteri pagani e di Passione cristiana) deve consentire la liberazione catartica da tabù religiosi, moralistici, sessuali. Le sue “Azioni” lo portano a stringere relazioni in Germania con Beuys e Vostell e negli Stati Uniti con Kaprow e il gruppo Fluxus. Nel 1971 acquista il castello di Prinzendorf, a 50 km. da Vienna, che diviene la sede del suo das Orgien Mysterien Theater. Nel 1974 entra in contatto a Napoli con Peppe Morra e il suo Studio che diviene ed è tuttora la sua galleria di riferimento e il suo editore. Il 30 novembre del 1976 inaugura il Teatro Out Off di Milano con l’Azione n. 53. Dagli anni Novanta prevalgono in tutto il mondo le esposizioni (mostre personali e collettive) dotate di forte energia espressiva, in cui Nitsch installa i relitti delle sue performance, gli oggetti, le installazioni, i materiali, le grandi tele, le partiture, i progetti grafici che hanno dato vita alla sua singolare esperienza artistica.

Lorenzo Mango, ricercatore e docente di discipline dello Spettacolo presso l’università degli Studi di Napoli. La sua ricerca scientifica e le sue importanti pubblicazioni sono prevalentemente dirette all’approfondimento di tematiche storiche e teoriche nell’ambito del teatro moderno e contemporaneo, oltre che al rapporto tra teatro ed arti visive, E’ direttore della Dipartimento di teatro del Museo Laboratorio Hermann Nitsch di Napoli.

Romano Gasparotti, docente di Fenomenologia dell’immagine presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Nel 2011 fonda il movimento “DIASTEMA. Per un’arte festiva.”, nato dal suo interesse per le forme del fare ed i fenomeni artistici, in particolare contemporanei. Tra i suoi numerosi lavori, ricordiamo i seguenti: I miti della globalizzazione, Dedalo, Bari 2003; Figurazioni del possibile, Cronopio, Napoli 2007; Filosofia dell’eros, Bollati Boringhieri, Torino 2007; L’inganno di Proteo, Moretti&Vitali, Bergamo 2010.